Get Adobe Flash player


PIPPO FRANCO

CABARET

 

Nato a Roma nel 1940. Attore comico. Consegue il diploma di liceo artistico ed esordisce nel cabaret al Cab 37, di Maurizio Costanzo (1964). Affianca all'attività televisiva l'esperienza in campo cinematografico e cabarettistico.

Nel 1968 partecipa alla rivista di Garinei e Giovannini Viola violino e viola d'amore.

Il 1969 segna l'inizio della sua lunga collaborazione con il Bagaglino. È il cabaret a portarlo alla tv, e tra la fine degli anni sessanta e l'inizio degli anni settanta partecipa a Diamoci del tu, Roma quattro, Giro sprint, La cocca rapita, La domenica è un'altra cosa, Ubu Roi, La scoperta dell'America, Canzonissima il giorno dopo, Alla ricerca del folk. Il 1973 lo vede partecipare a Ciao Willy e inaugurare una lunga serie di successi: a partire da Dove sta Zazà, varietà condotto da Gabriella Ferri, per continuare nel 1975 con Mazzabubù, nel 1977 con la rivista Bambole, non c'è una lira, nel 1980 e 1981 con il varietà Scacco matto. La seconda metà degli anni ottanta, dopo Tasto matto, lo vede alle prese con gli show di satira politica: tre edizioni di Biberon, due di Crème caramel, poi Saluti e baci, Bucce di banana, Champagne, Rose rosse. Nel 1992 e nel 1994 conduce con Pamela Prati La sai l'ultima? Nel 1996 lo spettacolo di intrattenimento Su le mani. Nel 1998, con Melba Ruffo, Il paese delle meraviglie.Nel cinema interpreta oltre venticinque film, alcuni di grande successo, e La gatta da pelare, di cui è anche autore e regista.